Portacontainer al porto PORTO

Crollano i container ma non per tutti: Tcr in flessione, Setramar in crescita


Il terminal ravennate è l’unico tra quelli “gateways” del gruppo Contship in calo

I numeri del traffico container del 2017 sono lontanissimi da quelli che avrebbero giustificato un nuovo terminal. Il traffico dei contenitori perde infatti  circa il 4,8 per cento. Un calo che porta il totale dei Teu (unità di misura del settore) ad un totale di 223.369.

Non tutti i terminal container, però, subiscono una perdita: quello di Setramar ha registrato nel 2017 una crescita del 28 per cento. La maggior parte del traffico che viene movimentato dal gruppo Setramar è diretto in Medio Oriente e in Estremo Oriente, grazie in questo caso alla compagnia di navigazione Evergreen.  Su Setramar gravita attualmente il 17,7 percento del traffico containeristico: in totale parliamo di 39.511 teu.

Il resto del traffico è gestito nella quasi totalità da Tcr, l’azienda a capitale misto pubblico/privato a cui va ascritta una grossa perdita percentuale. Secondo quanto si legge sul sito di Contship, il traffico in Tcr è passato da 204mila a 185mila Teu, con una perdita netta del 10 percento. Tra i porti “Gateways”, cioè quelli in cui le merci vengono sbarcati per essere spediti via terra Ravenna è l’unico del gruppo Contship in perdita. Salerno infatti passa da 375mila a 420mila teu mentre La Spezia migliora ancora i suoi numeri arrivando al record di 1,378 milioni di teu dagli 1,172 dello scorso anno.

La Spezia è peraltro porto in concorrenza con Ravenna per quanto riguarda i traffici dell’Emilia. Viste anche le difficoltà logistiche del nostro porto, sottolineate anche dall’ad di Contship Cecilia Eckelmann Battistello nella sua ultima visita, il porto ligure potrebbe guadagnare altre quote di traffico in futuro. Battistello in particolare nell’ultima sua visita ufficiale in città ha lamentato i ritardi sulle infrastrutture che potrebbero essere destinati a durare dal momento che è notizia recente di uno slittamento della riunione del Cipe che dovrebbe dare il via libera al nuovo progetto Hub di Ravenna.