La rampa del traghetto aspetta ancora

PORTO CORSINI – Sono passati ormai dieci mesi da quando l’Eurocargo Catania si è schiantato contro la banchina di Porto Corsini, centrando in pieno l’imbarco del traghetto mentre stava lasciano il porto di Ravenna. Il fatto che il traghetto fosse fermo nel lato di Marina di Ravenna ha evitato la tragedia, tuttavia le ferite di quel giorno sono ancora visibili.

Gli abitanti di Porto Corsini immaginavano che il ripristino della rampa di imbarco, andata completamente distrutta, avrebbe richiesto tempo. Non si aspettavano però di dover attendere presumibilmente oltre un anno. Come si può vedere dalle foto, infatti, tutto è ancora fermo e non ci sono segnali di lavori in arrivo.

Intanto i tempi di attraversamento si sono allungati. Questo, almeno, è quanto si legge nella petizione che da qualche tempo circola tra i cittadini di Marina e Porto Corsini. Oltre all’attesa fisiologica (a volte resa più lunga dal passaggio di navi) va segnalato che ora il traghetto attraversa il Candiano in diagonale. Una manovra che non pare delle più agevoli. Il nuovo imbarco ha inoltre rivoluzionato la viabilità del piccolo paese. Da qui la necessità della raccolta firme per il ripristino della rampa di accesso al traghetto e una diminuizione dei tempi di attesa.