Amianto in Baiona, nessun pericolo per i cittadini

RAVENNA – Nessun pericolo per la salute pubblica per quanto riguarda l’amianto sotterrato nella Baiona. A dirlo è il sindaco Fabrizi Matteucci che martedì ha incontrato in Municipio dirigenti comunali e tecnici Arpa e Ausl per trattare il tema emerso durante il maxi processo amianto che si sta svolgendo in tribunale.  In generale sono state verificate, nel corso della riunione, le implicazioni che tale eventuale interramento può comportare per l’ambiente e per la salute pubblica.

“Fermo restando che si tratterebbe di eventi occorsi da ormai molti anni, che non è nota, né allo stato determinabile con precisione, l’area interessata e che si ha notizia – spiega il sindaco – e che quanto avvenuto è attualmente oggetto di indagine dalla Procura di Ravenna, i competenti organi presenti alla riunione hanno comunque ribadito che la pericolosità dell’amianto è legata fondamentalmente alla inalazione delle particelle che possono formarsi se l’amianto è esposto all’aria; nel caso riportato e ancora soggetto ad accertamento l’amianto sembra essere incluso soprattutto in materiali cementizi e collocato e sedimentato sotto terra, pertanto senza rischi contingenti per la salute pubblica”.

Si è anche evidenziato che l’area potenzialmente interessata può non corrispondere alla piallassa Baiona che oggi conosciamo, ma a zone all’epoca acquitrinose ed oggi costituite da terreni asciutti, limitrofe agli impianti industriali, di proprietà privata. Nell’incontro è stato inoltre ricordato che l’intera area industriale è oggetto da tempo di continue indagini, di monitoraggi e di bonifiche attuate secondo le più recenti normative, per cui l’attenzione degli organi preposti è stata continua. “In sintesi – conclude il sindaco – la riunione ha portato ad escludere la presenza di pericoli contingenti per la salute pubblica, legati alle notizie in argomento. Il Comune, per quanto di sua competenza, darà la più ampia collaborazione agli organi inquirenti secondo quanto possa risultare utile. A questo proposito questa mattina ho incontrato e informato dell’esito della riunione il signor Procuratore della Repubblica dottor Alessandro Mancini”.